side-area-logo

Team| Nicola Lombardi, conosciamo i soci IDS – Ingegneria delle Strutture

Prosegue la 𝐧𝐨𝐬𝐭𝐫𝐚 𝐫𝐮𝐛𝐫𝐢𝐜𝐚 #𝐈𝐃𝐒 𝐩𝐞𝐨𝐩𝐥𝐞.
Oggi presentiamo il nostro esperto in modellazione 3D, Nicola Lombardi.
Nicola nasce nel 1992 a Rimini dove cresce e ancora oggi vive.
Dopo il diploma da Geometra, conseguito all’Istituto Tecnico per Geometri Belluzzi di Rimini trova subito impiego come geometra presso uno studio tecnico. Da lì a poco viene notato dall’Ingegnere Andrea Barocci che gli propone di seguirlo nel suo studio.
𝐋𝐚 𝐩𝐚𝐬𝐬𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐩𝐞𝐫 𝐥𝐚 𝐦𝐨𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 3D comincia parallelamente all’attività lavorativa di ufficio, inizialmente trovando il tempo la sera e nel fine settimana anche per la frequentazione di corsi online per poi diventare un utilizzo quotidiano all’interno dello studio
Il ruolo di Nicola all’ interno dello studio IDS è principalmente quello di Tecnico Progettista e occasionalmente Direttore Lavori per quanto riguarda la parte architettonica.
𝐍𝐢𝐜𝐨𝐥𝐚 𝐪𝐮𝐚𝐧𝐭𝐨 𝐞̀ 𝐢𝐦𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐧𝐭𝐞 𝐥𝐚 𝐌𝐨𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝟑𝐃 𝐢𝐧 𝐮𝐧 𝐬𝐭𝐮𝐝𝐢𝐨 𝐜𝐨𝐦𝐞 𝐢𝐥 𝐯𝐨𝐬𝐭𝐫𝐨?
E’ utile fare una premessa, il mondo delle costruzioni è in continua evoluzione così come per le metodologie di lavoro, come ad esempio il passaggio dell’utilizzo di programmi bidimensionali a programmi di modellazione 3D appositamente studiati per l’edilizia.
Si parla di BIM (Building Information Modeling), cioè la realizzazione di un modello virtuale che contiene al suo interno tutte le informazioni che riguardano un fabbricato: dalla geometria, ai materiali, alla struttura, alle caratteristiche termiche ecc insomma un edificio che viene “costruito” prima della sua effettiva realizzazione
Per quanto si tratta di una metodologia già consolidata in altri paesi, in Italia siamo leggermente indietro, solo dal 2017 con il “Decreto Bim” si iniziano a stabilire degli step per introduzione di questa modalità lavorativa nell’edilizia pubblica fino a renderala obbligatoria dal 1 gennaio 2025
Quindi tornando alla domanda, la modellazione su flusso di lavoro BIM è senza dubbio importante ma dal 2025 non sarà più solo una scelta ma diverrà una realtà obbligatoria per le nuove opere pubbliche.
𝐐𝐮𝐚𝐥𝐢 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐢 𝐯𝐚𝐧𝐭𝐚𝐠𝐠𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐌𝐨𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐁𝐈𝐌?
Sicuramente la gestione di tutti i processi su un unico modello 3D permette di ridurre gli errori sia in fase di progettazione sia in fase di esecuzione delle opere , questo grazie ad un riscontro immediato e visivo del progetto ma soprattutto perchè ogni variazione e modifica apportata al Modello 3D sarà automaticamente riportata all’interno di tutte le viste, planimetrie, sezioni e prospetti che compongono il nostro progetto comportando anche un notevole risparmio di tempo.
Inoltre la visualizzazione realistica dell’opera facilita sia il tecnico nella progettazione sia il cliente nella comprensione del progetto.
Recommend
  • Facebook
  • LinkedIN
Share
Tagged in